sabato 16 dicembre 2017

FARE I PORTOGHESI A ROMA - ancora una settimana!




‘FARE I PORTOGHESI A ROMA’
15 anni di attività espositiva all’IPSAR 

fino al fino al 23 dicembre 2017
da lunedì a sabato, dalle 18.00 alle 20.00
Istituto Portoghese di Sant'Antonio 
Via dei Portoghesi, 6 - ROMA
INGRESSO LIBERO

‘FARE I PORTOGHESI A ROMA’ è titolo provocatorio della grande mostra che inaugurata nel suggestivo spazio della galleria al nº 6 di Via dei Portoghesi, che ripercorre 15 anni di attività espositiva promossa dall’Istituto Portoghese di Sant’Antonio in Roma: più di 100 eventi  rivisitati attraverso alcune delle opere donate dagli artisti all’IPSAR. 


Il bello catalogo di 222 pagine ampiamente illustrate a colori e con schede individuali degli artisti rappresentati può essere una bella idea da regalare questo Natale a famigliari e amici. 

Oltre alla riproduzione delle opere in mostra, ogni scheda è accompagnata di qualche immagine dell’inaugurazione; un testo introduttivo riassume la storia dello spazio e dell’attività e un quadro sinottico conclusivo riunisce tutte le mostre ospitate dall’IPSAR, con nome di artisti e curatori.

È possibile acquistare il catalogo in galleria, nell’orario di apertura - da lunedì a sabato, dalle 18.00 alle 20.00, fino al 23 dicembre 2017. In catalogo è anche disponibile nella sagrestia della Chiesa di Sant’Antonio dei Portoghesi fuori dell’orario di apertura della galleria (lunedì a sabato, 8.30-13.00 e 15.00-18.00).


Artisti rappresentati: 
Martha ALEGRÍA DE VALLADARES, Francesco ASTIASO GARCÍA, Nicole AUÈ, Atelier Aurora, Ricciarda AZZINI, BAKE, Hugo BERNARDO, Paolo BIGELLI, Anca BODEA, Ugo BORGESE, Benhy BRADSHAW COSTELLO, Franca BUSCAGLIA, Luísa CAETANO, Antonella CAPPUCCIO, Claudio CASTIGLIONI, Maria Grazia CECCARONI MOROTTI, Carmine CECOLA, Chema CONCELLÓN, Barbara CONTE, Teresa CORTEZ, Dinora CRUZ, Caterina CUCCHI, Luisa DE AYAU, Ricardo DE CAMPOS, Marta DE CASTRO, Luís DE MATOS, Federica DI CARLO, Vasco D’OREY BOBONE, Teresa D’OREY CAPUCHO, Carlo D’ORTA, Elena FABRIS, Paola FALINI, Claude FORTHOMME, Enrico FRANCHI, Fausto Maria FRANCHI, Melissa FRANKLIN SANCHEZ, Carlo FUSCA, Luciana GALLI, Song GANG, Goffredo GODI, Yasmina HEIDAR, Josué HERNÁNDEZ, Luis LAFORGA, Helena LAPAS, Maria LEAL DA COSTA, Cláudia LOPES, Guillermo LUNA, Danilo MAESTOSI, Franco MALATESTA, Flaminia MANTEGAZZA, António MARQUES, Carlos MARTÍNEZ LÉON, Paulo Alexandre MARTINS, Constança MEIRA, Franco MENOLASCINA, Gregorio MIJARES, Luca MONGO, Leslie NANNE, Pasquale “NERO” GALANTE, Giovanna NOIA, Roberto PACE, Paula PAOUR, Guilherme PARENTE, Erick PENSAMIENTO, Manuela PIMENTEL, Conceição PRAIA, Mónica QUARTIN, Gabriele REINA, Miguel RIBEIRO, Paola ROMANO, Claudio SACCHI, Pedro SALVADOR MENDES, Ricardo SANDOVAL, Violante SARAMAGO MATOS, Rui SERRA, Bela SILVA, Giorgio SOLDI, Gaspar SOUZA LIMA, Tommaso STEGAGNO, Giuseppe SYLOS LABINI, Claudia TASSONI ESTENSE, Karen THOMAS, Patricia TORIELLO, Marie-Laure VAN HISSENHOVEN, Francisco Javier VERDE ALVARADO, Rita VILLANUEVA, Filippo VINARDI, Max WAYNE, Scuola d'Arte e dei Mestieri Nicola Zabaglia.

ANTONIO FILACCIO sobre "A preguiça"



O nosso aluno de segundo ano, ANTONIO FILACCIO, envia-nos este interessante etxto sobre a preguiça.
Obrigado, Antonio!


A preguiça

Ontem de manhã, no aeroporto de Newcastle, vi a mensagem de Annalisa e lembrei-me de ter de preparar algumas linhas sobre a preguiça; abri o site da wikipedia e descobri que não é uma característica estritamente humana porque na natureza, muitas vezes, é uma forma de preservar energia.

A preguiça pode ser interpretada na forma negativa como aversão ao trabalho, conformemente ao senso comum, é aquele indivíduo avesso a atividades que mobilizem esforço físico ou mental, de modo que lhe é conveniente direcionar a sua vida a fins que não envolvam maiores esforços, e na forma positiva como uma maneira de conservar energia, como já disse.

Eu acho que, como diziam os romanos “no meio é que está a virtude”, um ser humano de hoje precisa de um pouco de preguiça para recuperar as energias físicas e mentais que são consumidas pelos ritmos frenéticos, o estresse e também estar um pouco consigo mesmo e refletir, e estar no sofá de chinelos lendo um livro.

Esta é a minha ideia de preguiça, com um significado não excessivamente negativo, mas mais orientada para a visão naturalista, para ao relaxamento (afinal, o relaxamento é uma forma de preguiça).
Eu sou preguiçoso aos fins de semana e se eu posso (mas é quase impossível) também nos dias da semana.

Os prós      
·        existe na natureza
·        permite recuperar as energias
Os contras
·        perder oportunidades
·        pode conduzir  à depressão
·        isolamento
ANTONIO FILACCIO


6 febbraio 2018: Lídia Jorge, Gruppo di Lettura in Portoghese



Il prossimo incontro del Gruppo di Lettura in Portoghese, che si terrà alla Casa delle traduzioni il 6 febbraio 2018, alle 17:00, avrà come testo di discussione un libro della grande scrittrice portoghese Lídia Jorge.
Di lei, in formato Kindle, si trovano ben due romanzi. Ciascuno scelgerà quello che più lo solletica, così poi la discussione sarà ancora più ricca e articolata:
I romanzi si trovano ai seguenti link:




Os memoráveis: https://tinyurl.com/y9pvjtmw


O jardim sem limites: https://tinyurl.com/y7hodbuy


giovedì 14 dicembre 2017

11 Gennaio 2018, ore 18:00 - presentazione libro a Sant'Antonio dei Portoghesi



Il Rettore dell’Istituto Portoghese di Sant'Antonio in Roma,
MONS. AGOSTINHO DA COSTA BORGES,
e l’ISTITUTO SECOLARE DELLE COOPERATRICI DELLA FAMIGLIA

sotto l’alto patrocinio di
S. E. l’Ambasciatore del Portogallo presso la Santa Sede
DOTT. ANTÓNIO DE ALMEIDA LIMA

hanno il piacere di invitare la S. V.
alla presentazione del libro

HOMEM DE DEUS PARA A HUMANIDADE
Padre Joaquim Alves Brás
(1899-1966)

con la presenza dell’autore
MONS. ARNALDO PINTO CARDOSO
e MARIA DE FÁTIMA CASTANHEIRA

Giovedì 11 Gennaio 2018, alle ore 18:00

nel salone nobile dell’Istituto Portoghese di Sant'Antonio

Via dei Portoghesi, 2 (Roma, centro storico)
www.ipsar.org

mercoledì 13 dicembre 2017

Gennaio organistico a Sant'Antonio dei Portoghesi


FIORELLA IALONGO sulla mostra dei 15 anni della galleria IPSAR

Articolo di Fiorella Ialongo sui 15 anni di attività della galleria dell’Istituto Portoghese e pubblicato sulla headline, homepage, sezione cultura e nella mia rubrica Duc in altum del sito www.matchnews.it:




La mostra “FARE I PORTOGHESI A ROMA” è una pregevole raccolta di arte contemporanea che compendia i 15 anni di divulgazione artistica, creativa e culturale dell’Istituto Portoghese di Sant’Antonio in Roma nell’omonima via.

Nel corso dell’inaugurazione sono stati evidenziati una serie di elementi. Innanzitutto il carattere corale dell’attività svolta dall’Istituto Portoghese che affonda le sue radici nel senso cristiano dell’ospitalità e della fraterna amicizia da secolare memoria. Tra gli altri, si ricorda l’Ambasciatore del Portogallo presso la Santa Sede Antonio Almeida Lima, il quale si è posto nella linea di continuità dei suoi predecessori di autorevole patrocinio e supporto alle iniziative svolte.

Il Rettore dell’Istituto, Mons. Agostinho da Costa Borges, ha fortemente voluto e saggiamente guidato questo cenacolo culturale come segno di apertura della Chiesa sulla realtà romana ed oltre. Al Prof. Francisco de Almeida Dias, curatore della mostra ed anima dell’Istituto, spetta il merito di aver saputo trasmettere la sua ampia preparazione accademica nel rafforzamento dello scambio culturale tra l’Italia ed il Portogallo. A testimonianza del suo profondo impegno, l’Ambasciatore del Portogallo presso la Santa Sede Antonio Almeida Lima ha ricordato la recente assegnazione al docente universitario del prestioso Premio Speciale “Franco Cuomo International Award” (nella foto il Prof. Francisco de Almeida Dias con il Presidente del Premio Alberto Cuomo in occasione del conferimento del riconoscimento).

Nella sala pienissima del vernissage sono stati presenti numerosi ospiti di prestigio, tra di essi si ricordano i rappresentanti istituzionali di Ambasciate, il Rettore della Pontificia Università Gregoriana P. Nuno da Silva Gonçalves, SJ; la giornalista Velia Iacovino, che insieme al figlio Alberto presiede il Premio “Franco Cuomo International Award”. Nella mostra sono esposte, per la prima volta, le raffigurazioni degli innumerevoli artisti che, nel corso del tempo, hanno donato alla Galleria una loro opera come gesto di gratitudine per l’ospitalità. Il risultato è un caleidoscopio di ricchezza e varietà interpretativa con spunti interessanti e particolari, in maniera analoga alla bellezza del diamante che è nel riflesso di luce di ogni sfaccettatura e nel gioco di iridescenza creato dalla miriade dei tagli. La mostra è suddivisa in due parti fondamentali: “Identità” e “Spirito e Materia” che, a loro volta, si suddividono in altre sezioni. Nella parte iniziale della Galleria è offerto un omaggio a due grandi personaggi portoghesi: S. Antonio e Pessoa, successivamente sono esposte le rappresentazioni ispirate al Portogallo.

Un’altra parte visitabile è nelle antiche mura romane dell’edificio. In questa zona sono prevalenti le opere astratte e materiche, quelle dedicate all’Uomo ed alla Natura; le altre raffigurazioni presentanto un carattere decisamente spirituale e religioso. Nel corso del vernissage è stata presentata anche una pregevole iniziativa editoriale. Si tratta del catalogo che contiene le opere in mostra con i commenti relativi agli artisti, ai curatori, alle istituzioni ed alle esposizioni ospiti dell’Istituto nel corso del tempo. La mostra, ad ingresso libero, è visitabile fino al 23 dicembre 2017, dal lunedì al sabato, dalle 18 alle 20.

Gli artisti rappresentati, alcuni  arrivati direttamente dall’estero, sono: Martha ALEGRÍA DE VALLADARES, Francesco ASTIASO GARCÍA, Nicole AUÈ, Atelier Aurora, Ricciarda AZZINI, BAKE, Hugo BERNARDO, Paolo BIGELLI, Anca BODEA, Ugo BORGESE, Benhy BRADSHAW COSTELLO, Franca BUSCAGLIA, Luísa CAETANO, Antonella CAPPUCCIO, Claudio CASTIGLIONI, Maria Grazia CECCARONI MOROTTI, Carmine CECOLA, Chema CONCELLÓN, Barbara CONTE, Teresa CORTEZ, Dinora CRUZ, Caterina CUCCHI, Luisa DE AYAU, Ricardo DE CAMPOS, Marta DE CASTRO, Luís DE MATOS, Federica DI CARLO, Vasco D’OREY BOBONE, Teresa D’OREY CAPUCHO, Carlo D’ORTA, Elena FABRIS, Paola FALINI, Claude FORTHOMME, Enrico FRANCHI, Fausto Maria FRANCHI, Melissa FRANKLIN SANCHEZ, Carlo FUSCA, Luciana GALLI, Song GANG, Goffredo GODI, Yasmina HEIDAR, Josué HERNÁNDEZ, Luis LAFORGA, Helena LAPAS, Maria LEAL DA COSTA, Cláudia LOPES, Guillermo LUNA, Danilo MAESTOSI, Franco MALATESTA, Flaminia MANTEGAZZA, António MARQUES, Carlos MARTÍNEZ LÉON, Paulo Alexandre MARTINS, Constança MEIRA, Franco MENOLASCINA, Gregorio MIJARES, Luca MONGO, Leslie NANNE, Pasquale “NERO” GALANTE, Giovanna NOIA, Roberto PACE, Paula PAOUR, Guilherme PARENTE, Erick PENSAMIENTO, Manuela PIMENTEL, Conceição PRAIA, Mónica QUARTIN, Gabriele REINA, Miguel RIBEIRO, Paola ROMANO, Claudio SACCHI, Pedro SALVADOR MENDES, Ricardo SANDOVAL, Violante SARAMAGO MATOS, Rui SERRA, Bela SILVA, Giorgio SOLDI, Gaspar SOUZA LIMA, Tommaso STEGAGNO, Giuseppe SYLOS LABINI, Claudia TASSONI ESTENSE, Karen THOMAS, Patricia TORIELLO, Marie-Laure VAN HISSENHOVEN, Francisco Javier VERDE ALVARADO, Rita VILLANUEVA, Filippo VINARDI, Max WAYNE, Scuola d'Arte e dei Mestieri Nicola Zabaglia.

FIORELLA IALONGO 
IN

martedì 12 dicembre 2017

FORGOTTEN PROJECT: 2nd Edition on the way!!

2nd Edition on the way!!
 


Ci siamo! Tra qualche giorno annunceremo i 4 artisti che prenderanno parte alla seconda edizione di Forgotten. 
Se vi dicessimo che sono inglesi chi vi verrebbe in mente? 
Fatecelo sapere nella nostra pagina Facebook o Instagram nei commenti del post!

In palio per il primo che indovina i 4 nomi, una serigrafia della prima edizione di Forgotten! 
Per partecipare al concorso:
1. Inscriviti alla nostra newsletter dal sito > http://www.forgottenproject.it
2. Sfida un amico taggandolo nel tuo commento! 
...e se non hai idea di chi potrebbero essere, torna su questa pagina nei prossimi giorni! 
Per non perderti gli indizi segui l'hashtag #ForgottenContest










 
COLLABORAZIONE TRA FORGOTTEN PROJECT E ABSOLUT: ABSOLUT NIGHT ROMA

Dopo l'Absolut Symposium di Torino dove abbiamo presentato la Forgotten Room con il live paiting di Idro51, la collaborazione con Absolut continua e il prossimo Giovedì 14 Dicembre saremmo all' Absolut Night di Roma presso il LANIFICIO159.

Scoprite tutto qui

 
















CONVERSAZIONE VIDEO 2017 - sezione Risonanze - FESTA DEL CINEMA DI ROMA: MENZIONE SPECIALE

Lo scorso 3 Novembre, il cortometraggio “Urban Art Portoghese a Roma” con regia di Leonardo Meuti e produzione Forgotten Project ha ricevuto la Menzione Speciale della Giuria di Conversazioni Video 2017, Festival Internazionale di Documentari su Arte e Architettura
“Per l’originalità dell’operazione artistica, che attraverso interventi di arte urbana, restituisce spazi dimenticati alla città di Roma.”


La Giuria di quest’anno, composta da:
Elisabetta Cristallini, Professore Storia dell’Arte Contemporanea – Università degli Studi della Tuscia
Edoardo Dell’Acqua, Regista
Alfonso Giancotti, Presidente Comitato Tecnico Scientifico – Casa dell’Architettura
Antonella Greco, Presidente Art Doc Festival
Claudio Libero Pisano, Curatore

ha espresso la seguente motivazione:
“Per l’originalità dell’operazione artistica, che attraverso interventi di arte urbana, restituisce spazi dimenticati alla città di Roma.”
INSTITUTIONAL ART AWARDS 2017: MENZIONE SPECIALE
Premio ‘per il recupero della centralità urbana e sociale di una dimensione spesso trascurata del patrimonio architettonico romano’ così l’Ambasciata del Portogallo in Italia con Forgotten Project ha vinto uno dei Institutional Art Awards 2017!
La lista di tutti i vincitori qui